Monaci Benedettini Silvestrini

San Silvestro in Montefano, Fabriano

Porta Santa (1 gennaio 2016)

L'8 dicembre 2015, nel cinquantesimo avversario della conclusione del concilio ecumenico Vaticano II, è iniziato l'anno del Giubileo Straordinario della Misericordia, indetto da papa Francesco.
Nella bolla di indizione (Misericordiae vultus), per la prima volta nella storia dei giubilei il papa ha stabilito che non solo si apra la Porta Santa della Misericordia nelle basiliche romane, ma anche «in ogni Chiesa particolare, nella Cattedrale che è la Chiesa Madre per tutti fedeli, oppure nella Concattedrale o in una chiesa di speciali significato». Inoltre «a scelta dell'Ordinario, essa potrà essere aperta anche nei Santuari, méta di tanti pellegrini, che in questi luoghi sacri spesso sono toccati nel cuore dalla grazia e trovano la via della conversione»

In seguito a tale disposizione il nostro vescovo diocesano mons. Giancarlo Vecerrica ha concesso che anche nel nostro monastero venisse aperta una Porta Santa, poiché san Silvestro è compatrono di Fabriano.
Abbiamo vissuto con particolare intensità questo momento l'1 gennaio 2016 al termine della messa conventuale nell'Ottava di Natale, solennità di Maria SS.ma Madre di Dio. Hanno partecipato con la nostra comunità molte persone (favorite anche dal tempo buono), da Fabriano e dintorni, con il gruppo di famiglie di Fano che hanno vissuto con noi il ritiro spirituale; presenti anche i confratelli dal Priorato Conventuale Santo Volto di Giulianova: d. Fortunato Radicioni, d. Francesco Zamboni e il neosacerdote d. Adélard M. Vivuya.
Dopo la celebrazione, presieduta dal priore d. Vincenzo Bracci, tutti i presenti dalla cripta sono saliti in processione verso la porta della chiesa superiore: il priore ha compiuto il gesto simbolico dell'apertura e tutti sono entrati per essa: Intorno alla tomba di san Silvestro si è fatta la rinnovazione delle promesse battesimali. Infine il priore ha impartito la benedizione solenne.